RJ2: LA NUOVA DANIZA?

L'orsa Rj2 è stata condannata frettolosamente per una presunta aggressione ad un uomo che passeggiava con il suo cane nei boschi di Terlago, nella regione dei laghi del Trentino. Molti i dubbi e le questioni da chiarire, ed in fretta, sperando che la storia di questa regina dei nostri boschi non abbia il doloroso epilogo che ebbe nel 2014 la vita dell'orsa Daniza.

  Leggi tutto

CACCIA: TRA VITTIME E BUSINESS

12 morti e 68 feriti tra gli umani.

203 animali domestici uccisi, maltrattati o feriti.

Milioni di animali selvatici ammazzati.

Non è un bollettino di guerra.

Sono i numeri delle vittime dell’ultima stagione venatoria in Italia.

  Leggi tutto

COME MUORE UN TORO A SAN FIRMINO

Come muore un toro a San Firmino?

Cosa deve subire prima, durante e dopo la corsa per le strade di Pamplona?

Quanta sofferenza deve patire in nome di una tradizione barbara?

Abbiamo provato ad immaginarlo e a raccontarvelo.

  Leggi tutto

100 ATTIVISTI OCCUPANO IL MACELLO DI HAIFA IN ISRAELE

Sabato 9 luglio 100 attivisti si sono incatenati al mattatoio di Haifa in Israele, tomba per migliaia di animali provenienti anche dall’Europa e dall’Australia.

Il loro scopo era quello di “rendere consapevoli tutti circa le torture che sono perpetrate all'interno del macello.”

12 loro sono stati arrestati.

La loro unica colpa è quella di lottare, anche a scapito della loro libertà, per i diritti animali.

  Leggi tutto

CANE UCCISO A SPRANGATE: ANIMAL AMNESTY VUOLE COSTITUIRSI PARTE CIVILE

Qualche settimana fa un cane randagio è stato brutalmente ucciso in provincia di Cosenza da quattro ragazzi, che hanno poi pubblicato il video on line.
Animal Amnesty condanna quanto accaduto ed esprime la volontà di costituirsi parte civile al processo.
Gli animali non possono difendersi da soli
Denunciare i reati contro di loro è un dovere.

  Leggi tutto

L'ALTRA FESTA DI SAN FIRMINO

Ogni anno, alla vigilia della prima corsa dei tori, attivisti di ogni parte del mondo arrivano a Pamplona  per dare vita ad una protesta non violenta, che vuole sensibilizzare sui diritti dei tori e di tutti gli  animali.
Dall’encierro alla plaza de toros. Un nuovo modo di celebrare la festa.
Senza sangue. Senza picadores

Un’attivista di Animal Amnesty, che qualche anno fa ha partecipato alla protesta, ci racconta la sua esperienza.

  Leggi tutto

LA VIVISEZIONE NEL PIATTO

Dietro il biologico si nascondono sangue e morte.

36 maialini sono stati uccisi per testare degli ingredienti che l'uomo utilizza da migliaia di anni e dei quali sono già note le caratteristiche.

Gli animali sono stati sottoposti a sperimentazione sin dalla nascita; è stata loro indotta un'anemia ferropriva; hanno subito prelievi continui ogni giorno per un mese attraverso un catetere permanente inserito nella giugulare.

Al termine dei test i maialini sono stati uccisi.

  Leggi tutto

LA LEGITTIMA DIFESA DEI BEAGLE

Lunedì 21 settembre presso il Tribunale di Brescia si è tenuta l'udienza finale del processo che vede alla sbarra i 13 attivisti che il 28 aprile 2012 liberarono 70 beagle da Green hill, allevamento di cani destinati alla vivisezione.

In aula è intervenuto il Pubblico Ministero, la parte civile e gli avvocati per le arringhe finali.

Animal Amnesty era presente e vi propone il resoconto della giornata.

  Leggi tutto

CIAO ELIO

È scomparso Elio Fiorucci, socio onorario e attivista di Animal Amnesty.

Scriviamo queste righe con dolore, perché Elio Fiorucci era prima di tutto una persona splendida, piena di vita e di amore per la vita. Per chi ha avuto l'onore di condividere con lui idee, progetti, sogni, questo è un giorno pieno di dolore. Ricorderemo per sempre le parole piene di affetto con cui parlava dei suoi amati animali, come soffriva al pensiero delle sofferenze a cui l'uomo li costringeva. 

  Leggi tutto

DENTRO L'INFERNO DI GREEN HILL

Il 16 giugno 2015 si è tenuta presso il tribunale di Brescia una nuova udienza del processo che vede alla sbarra gli attivisti arrestati il 28 aprile 2012 a Green Hill.
Le accuse sono pesantissime e le condanne potrebbero essere di mesi o anni di carcere perché il sistema considera la liberazione di una vita un reato.

  Leggi tutto