PASQUA: STRAGE DEGLI INNOCENTI


Ogni anno in Italia vengono uccisi 3 milioni di agnelli, specialmente durante le feste.

In occasione della Pasqua sono 800 mila i cuccioli macellati.

 

NESSUN CUCCIOLO DOVREBBE ESSERE SEPARATO DALLA PROPRIA MADRE

Durante la loro breve vita, solo circa 30/40 giorni, gli agnelli devono subire una serie infinita di torture.

Il trauma maggiore è la separazione dalla madre, come per ogni cucciolo.

La vita in allevamento è fatta di dolore fisico e stress psicologico: un gran numero di animali sono costretti a convivere in spazi ristretti e in condizioni igienico - sanitarie pessime.

La conseguenza di questo modo di vivere sono ferite e malattie che non vengono curate: gli animali sani sono costretti a convivere con animali malati, in fin di vita o addirittura morti.

Prima del viaggio verso il macello gli animali vengono sottoposti alla pratica illegale della pesatura.

Gli agnelli, tra i 7  e i 10, vengono legati per le zampe anteriori e appesi tutti assieme ad un gancio collegato ad una bilancia. Gli agnelli spaventati e costretti in una dolorosa e innaturale posizione si dibattono per liberarsi, scalciandosi fra di loro con il rischio di riportare lesioni, strappi ai muscoli e ai legamenti.

 

IN VIAGGIO VERSO LA MORTE

Finita la pesatura gli agnelli vengono caricati, spesso gettati come sacchi, sul camion che li porterà al macello. Schiacciati gli uni sugli altri in camion alti fino a 4 piani, impossibilitati a muoversi, saltano per cercare aria da respirare. Senza né acqua, né cibo, stremati e spesso malati sono costretti a viaggiare anche per giorni in queste condizioni. Alcuni arriveranno al macello già morti.

A peggiorare ulteriormente la situazione la lunghezza dei viaggi: la maggior parte degli animali proviene infatti da allevamenti nell'est Europa e affrontano viaggi di oltre 1500 km.

 

QUANTA CRUDELTA' PUOI MANGIARE?

Arrivati al macello, terrorizzati per le urla dei compagni e per l'odore del sangue, gli animali vengono ammassati in un recinto dal quale vengono trascinati fuori per il collo o per le zampe, con una brutalità che oltre a causare dolore a volte causa anche slogature.

Legatiper le zampe posteriori e appesi a testa in giù vengono elettronarcotizzati prima che sia loro tagliata la gola.

L'elettronarcosi (lo stordimento attraverso l’utilizzo di corrente elettrica) spesso non viene effettuata in modo corretto e quindi gli animali al momento dello sgozzamento sono spesso ancora coscienti

 

PASQUA SIGNIFICA RINASCITA

Non contribuire a questa strage, non mangiare l’agnello a Pasqua.

Scegliere un'alimentazione veg e portare a tavola i legumi, i cereali, la frutta e la verdura fresca di stagione è la ricetta migliore per celebrare la tradizione. 

La parola Pasqua deriva dall’aramaico Pasha, che significa rinascere.

Festeggiare con un menù senza crudeltà significa salvare la vita a tanti animali: il miglior modo per celebrare il rito della Pasqua.

Perché “Chi salva una vita, salva il mondo intero” (Talmud ebraico).


PHOTO GALLERY


 
CONDIVIDI: