90 PARLAMENTARI SCRIVONO AL RETTORE DI MODENA: LIBERATE I MACACHI


Ben 90 parlamentari, fra i quali Manuela Granaiola (Ufficio di Presidenza Commissione Sanità) e Silvana Amati del PD, Sandro Bondi e Michela Vittoria Brambilla di FI, Ivan Catalano e Manuela Repetti del Gruppo Misto, Serenella Fucksia (Segretaria 12° Commissione Sanità Senato) e Paola Taverna del M5S si sono uniti per chiedere al Rettore dell’Università di fermare questa violenza”, commentano LAV e Animal Amnesty.

I parlamentari, ricordando al Rettore dell’Università di Modena e Reggio Emilia che la sua Università si è distinta nel 2012 per aver ceduto uno dei macachi ad un centro di recupero nell’ottica di una progressiva riduzione del numero dei primati non umani nello Stabulario Interdipartimentale e che l’Ateneo si era formalmente impegnato a non sostituire tale animale “con l’acquisto e/o l’introduzione di un nuovo animale nella colonia”, hanno chiesto di interrompere tale attività sperimentale e di cedere i macachi alle Associazioni disposte a farsene carico per metterli a dimora in centri di recupero idonei.

I macachi allevati nello stabulario dell’Università di Modena, infatti, sono utilizzati per test molto invasivi al cervello che hanno come esito la morte. La nuova legge sulla sperimentazione, vietando l’allevamento di primati, colpisce direttamente questo laboratorio che pur non potendo farne nascere altri può, però,  continuare a usarli.

Numerosi gli appelli degli animalisti che chiedono la libertà di queste scimmie, volendo offrire loro la possibilità di conoscere una vita diversa, finalmente lontano da paura e costrizione.

Per la loro liberazione Animal Amnesty e LAV, insieme a AnimAnimale, si troveranno domani, sabato 28 giugno, alle 15 in Largo S. Agostino a Modena per corteo nazionale per la liberazione dei macachi dell'Università di Modena.

Questo Ateneo deve ora cogliere l’occasione per dismettere gli animali ancora presenti nelle proprie gabbie e sostituire le proprie obsolete ricerche sulle scimmie con modelli alternativi etici, realmente predittivi per la salute dell’uomo”, concludono LAV e Animal Amnesty.

Ecco il testo completo della lettera inviata al Rettore:

Magnifico Rettore dell'Universitá di Modena e Reggio Emilia

gli esperimenti su macachi effettuati presso il suo Ateneo sono ormai oggetto di numerosi articoli su testate nazionali e di manifestazioni pubbliche. Sempre più cittadini chiedono all’Università di Modena e Reggio Emilia di interrompere tale attività sperimentale e di cedere i macachi alle Associazioni disposte a farsene carico per metterli a dimora in centri di recupero idonei.

La sua Università si è distinta nel 2012 per aver ceduto uno dei macachi ad un centro di recupero nell’ottica di una progressiva riduzione del numero dei primati non umani nello Stabulario Interdipartimentale. Con questo protocollo d’intesa il suo Ateneo si era formalmente impegnato a non sostituire tale animale “con l’acquisto e/o l’introduzione di un nuovo animale nella colonia”. 

Come sa, il 29 marzo scorso è entrato in vigore il nuovo Decreto legislativo che introduce alcune modifiche rispetto a quello precedente, vietando tra l’altro l’allevamento di primati non umani destinati alla sperimentazione animale.

Si sono verificate quindi le condizioni affinché cessi al più presto questo tipo di sperimentazione nell’ateneo che lei dirige. Chiediamo che lei accetti la proposta delle Associazioni animaliste, senza alcun onere per la sua Università. Tale scelta, non solo metterebbe a tacere il clamore sollevato dalla vicenda dei macachi sottoposti a sperimentazione, ma anzi sarebbe un segnale positivo e lungimirante nei confronti di una pratica, la vivisezione, avversata dalla grande maggioranza dei cittadini italiani.  

In molti ricordano che nel 1999 l’Università di Modena e Reggio Emilia è stato il primo ateneo italiano a scegliere metodi sostitutivi al posto della sperimentazione animale a scopo didattico nella facoltà di Scienze. Dopo quel primo esempio positivo, altri atenei (più del 75% delle Facoltà scientifiche italiane) hanno seguito questa strada. Anche grazie a quel primo segnale positivo, il nuovo Decreto legislativo sulla vivisezione contiene il divieto di utilizzare animali in quasi tutte le esercitazioni didattico-dimostrative.

Riteniamo che i tempi siano maturi per scelte coraggiose in materia di sperimentazione animale. L’Università che, in collaborazione con le associazioni di tutela animali, compirà per prima un passo così importante sarà presa ad esempio e seguita da molte altre, non solo in Italia.

La sensibilità dell’opinione pubblica è mutata, l’esperienza degli errori compiuti in passato suggerisce un cambio di metodo, la tecnologia è pronta in tutti i campi di applicazione. Serve un piccolo passo nella direzione giusta, da qualunque Paese o città parta questo cammino. 

Perché non dall’Italia? Perché non, ancora una volta, da Modena?

On. Donatella Agostinelli; Sen. Alberto Airola; Sen.Silvana Amati; On.Sebastiano Barbanti; On. Massimo Enrico Baroni; On. Tatiana Basilio; On. Sergio Battelli; On. Silvia Benedetti; On. Massimiliano Bernini; On. Paolo Bernini; Sen. Enza Blundo; Sen. Sandro Bondi; On.Michela Vittoria Brambilla; On. Giuseppe Brescia; On. Marco Brugnerotto; On. Maurizio Buccarella; On. Francesca Businarolo; On. Azzurra Cancelleri; On. Francesco Cariello; On. Vincenzo Caso; On.Ivan Catalano; On.  Andrea Cecconi;On. Silvia Chimienti;Sen. Lello Ciampolillo;On. Tiziana Ciprini; Sen. Monica Cirinnà; On. Andrea Colletti;On. Vega Colonnese; On. Claudio Cominardi;On. Emanuela Corda; Sen. Roberto Cotti; Sen. Vito Crimi;On. Davide Crippa;On. Giuseppe D'ambrosio;On. Marco Da Villa;On. Federica Daga;On. Matteo Dall'Osso; On. Massimo De Rosa; On. Ivan Della Valle; On. Alberti Dino; On. Francesco D'uva; Sen. Giovanni Endrizzi; On. Vittorio Ferraresi; Sen Elena Fissore; Sen. Serenella Fucksia (Segretaria 12° Commissione Senato - Sanità); On. Alessandro Furnari; On. Chiara Gagnarli; Sen. Castaldi Gianluca; On. Silvia Giordano (Segretaria 12° Commissione Camera - Affari Sociali); Sen. Gianni Pietro Girotto; Sen. Manuela Granaiola (Ufficio di Presidenza Commissione Sanità); On. Cristian Iannuzzi; On. Giuseppe L'Abbate; On. Mirella Liuzzi; On. Marialucia Lorefice; Sen. Stefano Lucidi; On. Loredana Lupo; On. Matteo Mantero; Sen. Bruno Marton; On. Maria Marzana (Segretaria 7° commissione Camera - Cultura), On. Salvatore Micillo; Sen. Michela Montevecchi (Segretaria 7° commissione Senato - Istruzione); Sen. Vilma Moronese; Sen. Nicola Morra; On. Mara Mucci; On. Dalila Nesci; On. Paolo Parentela; On. Cosimo Petraroli; On. Daniele Pesco; On. Aris Prodani; Sen. Sergio Puglia; Sen. Manuela Repetti; On. Gessica Rostellato; On. Giulia Sarti;On. Emanuele Scagliusi; On. Samuele Segoni; Sen. Manuela Serra; On. Carlo Sibilia; Sen. Ivana Simeoni; On. Giorgio Sorial; On.Alessio Tacconi; Sen. Paola Taverna; On. Patrizia Terzoni; On. Tancredi Turco; Sen. Giuseppe Vacciano; On. Simone Valente; Sen. Daniela Valentini; On.Andrea Vallascas; On. Alessio Villarosa; On. Adriano Zaccagnini; On. Alberto Zolezzi


PHOTO GALLERY


 
CONDIVIDI: